Autore: Paola Mancurti

economia news

Come fare soldi con un blog

January 10, 2014, 17:29

Oggi internet offre moltissime possibilità di guadagno: oltre a dare ottime opportunità a start up e aziende che si muovono sul web (ad esempio i siti di e-commerce), il web può diventare una fonte di reddito anche per chi ha un già un lavoro ma è in cerca di un guadagno extra. Come? Gli strumenti sono diversi: c'è chi vende oggetti artigianali online, chi offre consulenze al pubblico della rete e chi (la maggior parte) guadagna vendendo spazi pubblicitari sul proprio sito web o blog.

Per guadagnare con un blog bisogna fare una prima importantissima distinzione: quella tra blog generalisti e blog di nicchia (o specializzati). 
  • i blog generalisti non hanno un focus su un tema specifico, ma parlano di argomenti generici oppure hanno un taglio trasversale. Sono blog generalisti, ad esempio, siti di news, quotidiani online, siti dedicati ad un pubblico preciso ma con diversi argomenti (come i siti per le mamme, per la famiglia, per gli stranieri in Italia etc.);
  • i blog di settore o di nocchia approfondiscono invece un tema o un interesse specifico. Sono blog di settore, ad esempio, i blog sportivi, i blog sulla musica, i blog sull'arte italiana del '500... Anche il blog che state leggendo è un blog di nicchia, perché tratta materie economcihe e si rivolge a tutti coloro che hanno quest'interesse o che lavorano nel settore.
Perché è così importante distinguere tra il primo ed il secondo tipo? È prima di tutto una questione di numeri: un blog generalista tenderà sicuramente ad avere un bacino più largo di utenti e quindi ad avere più visite. Il blog di nicchia, invece, avrà un pubblico più ristretto ma sarà un pubblico fortemente targettizzato. 

In un blog generalista che fa tante visite si può guadagnare puntando a vendere spazi pubblicitari (di qualunque genere) che paghino in base alle visualizzazioni o ai click sugli annunci stessi. 
In un blog di nicchia si può puntare a vere e proprie "call to action" spingendo gli utenti a fare qualcosa fortemente in linea con il tema del blog stesso.
Mentre nel primo caso non è importante che tipo di pubblico stia visualizzando l'annuncio ma il numero di persone che lo visualizzano o che ci cliccano sopra, nel secondo le conoscenze sugli utenti si possono trasformare nel vantaggio competitivo per trasformare l'utente in un cliente.

Facciamo due esempi.
Sul sito generalista sceglieremo programmi di inserzioni come ad esempio Adsense (il programma di Google).  Adsense paga gli inserzionisti un tot di centesimi per ogni annuncio visuaizzato o cliccato, perciò alla fine del mese più utenti avremo avuto sul nostro sito e maggiori saranno i guadagni. Va da sé che più gli argomenti trattati saranno ampi, più persone arriveranno sul nostro sito. Non ci importa il target, conta solo la quantità.
Sul sito di nicchia è esattamente il contrario: se sei un appassionato di musica proverò a venderti direttamente dal sito una chitarra. Tu ti fiderai dei miei giudizi e delle mie recensioni, mentre io guadagnerò una percentuale sulla vendita. Per questo genere di transazioni esistono i programmi di affiliazione, che pagano una quota (fissa o in percentuale) in base alle conversioni. Sui blog che parlano di mutui ed assicurazioni, ad esempio, alcuni programmi di affiliazione propongono ai blogger di mettere dei box per calcolare un preventivo con le principali società finanziarie. Per ogni preventivo calcolato, il blogger guadagna una cifra che oscilla tra 5 e 10 euro.

Con Adsense si guadagnano pochi centesimi per ogni conversione, con le affiliazioni si arriva ad una decina di euro. Ovviamente con Adsense le conversioni sono centinaia al mese, con le affiliazioni sono di meno-

Quale modello conviene di più? Ovviamente dipende dal tipo di sito web, dal pubblico, dal target e dal traffico che arriva ogni giorno sul proprio sito!




Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia